Stabilimento Zona Artigianale P.I.P. 09010 MUSEI (CI) +39 0781.72123

Malloreddusfreschi


Da sempre i malloreddus sono stati il piatto tradizionale più preparato in Sardegna in tutte le occasioni più importanti, sia nelle feste e nelle sagre paesane, sia durante i matrimoni. Fin dall’antichità le massaie hanno preparato questo tipo di pasta. L’origine è da ricercarsi nello schema millenario della coltivazione-alimentazione contadina nell’area mediterranea, basata prevalentemente sulla coltura del grano. Il termine malloreddu (plurale malloreddus) è un diminutivo di malloru, che in sardo campidanese (Sardegna meridionale e centro-meridionale) significa toro. Di conseguenza, malloreddus vuol dire vitellini. L’origine della denominazione è da ricercarsi nel modo di esprimersi in ambito contadino. La lavorazione manuale dei malloreddus in ambito domestico avveniva impastando la semola di grano duro con l’acqua, e si creavano delle listarelle arrotolate di pasta della lunghezza di circa 15 cm, le quali venivano tagliate a cubetti. Dopodiché si otteneva la forma schiacciando i cubetti di pasta contro l’estremità di un cesto in paglia, detto su ciuliri (il setaccio) per ottenerli rigati, oppure per averli lisci bastava schiacciarli semplicemente contro una base in legno. Se ne ricavava un prodotto panciuto che nell’immaginario del mondo agropastorale assumeva la forma di piccoli vitelli (si pensi a espressioni quali bello grasso come un vitellino).

MODALITA’ DI CONSERVAZIONE
In frigo tra 0° e 4°C

SPECIFICHE ORGANOLETTICHE
Aspetto: pasta fresca di forma del tipico gnocchetto Sardo
Colore della pasta: giallino tenue
Odore/gusto: tipico della pasta di semola
Consistenza: al dente

MODALITA’ DI COTTURA
Cuocere in acqua bollente e salata per 5-6 minuti

INGREDIENTI
Semola di grano duro (75%), acqua